UNA GITA A MARTINA FRANCA COI BAMBINI

UNA GITA A MARTINA FRANCA COI BAMBINI

I portici di Martina Franca
I portici di Piazza Maria Immacolata a Martina Franca

PERCHE’ VISITARE MARTINA FRANCA IN PUGLIA

Oltre che nei caratteristici borghi dalle piccole casette bianche, in Valle d’Itria vale la pena portare in gita i bambini anche in un’interessante cittadina, Martina Franca.

L’ampiezza delle sue piazze, la ricchezza decorativa dei suoi palazzi, la lunga storia che narra il suo centro abitato sono solo alcune delle note salienti della città.  I vostri occhi spazieranno dalle meraviglie dei portali barocchi fino alle piccole abitazioni tipiche della Valle.

Potrete visitare anche alcuni musei, che stimoleranno la curiosità dei vostri bimbi. E se siete amanti della natura, prolungate l’escursione visitando parchi e grotte nei dintorni.

Stradine fiorite con casette bianche a Martina Franca
Stradine fiorite con casette bianche a Martina Franca

COSA VEDERE A MARTINA FRANCA

Dentro le città

L’ingresso per eccellenza in Martina Franca avviene dalla magnifica Porta di Santo Stefano, che si apre sulla Piazza del Palazzo Ducale. La sua facciata è superba e il suo interno è riccamente affrescato. Oltre al Municipio, il palazzo ospita il Museo Parco delle pianelle, con interessanti testimonianze del patrimonio ambientale del territorio, e mostre di arte contemporanea.

Tra le architetture da visitare, la Basilica di San Martino non si può certo perdere. Rispetto agli altri edifici religiosi della città, questa non è incastrata tra le costruzioni circostanti ed attirerà subito la vostra attenzione per il suo splendido stile rococò.

Palazzo Stabile, alle sue spalle, ospita un Museo (Mu.Ba.) con argenti, paramenti sacri, pergamene e icone. Vi segnalo inoltre tra le Chiese da visitare, quelle di San Domenico e del Carmine, per le eleganti facciate e il notevole corredo artistico.

Il quartiere Lama è quello che meglio permette di inquadrare Martina Franca all’interno della Valle d’Itria. E’ una parte che apprezzeranno sicuramente i vostri bimbi in escursione. Era abitata dai ceti meno abbienti ed è caratterizzato da semplici ma affascinanti casupole bianche col tetto a pignon, incastrate una all’altra tra ballatoi e scalette. 

Infine c’è una piccola chicca, la Posterla, che piacerà tanto ai bambini durante la vostra gita a Martina Franca. Si tratta di una strettissima stradina, unica interruzione della cinta muraria angioina. Consente di camminare ad una sola persona per volta.

(Guarda il mio Reel sul passaggio nella Posterla)

Altri edifici da ammirare passeggiando per Martina Franca:

  • il Palazzo dell’Università, sede di governo nel medioevo e la Torre civica, caratterizzata da decorazioni diverse su ogni livello;
  • il Palazzo Martucci, per le sue eleganti simmetrie;
  • il Palazzo Ancona, con le monumentali colonne in figure femminili e il mascherone centrale;
  • il Palazzo Blasi, per il magnifico portale sormontato dalla balconata;
  • i maestosi Portici di Piazza Maria Immacolata, col loro abbraccio semicircolare.
I bellissimi edifici di Martina Franca
I bellissimi edifici di Martina Franca

Fuori città

Se tutta questa cultura ha fiaccato i vostri piccoli, portateli ad esplorare i dintorni. La Riserva Bosco Pianelle è ideale per ammirare flora e fauna della macchia mediterranea, magari prendendo parte ad una delle attività che vi si organizzano. Si va dal ciclo-trekking al birdwatching, passando per aree libere per giochi e picnic/barbecue. Tra boschi e gravine, potrete ripercorrere i passi del brigante Sergente Romano, che qui riorganizzò la sua banda.

Inoltre, per una piccola avventura tra pipistrelli e ritrovamenti archeologici, portate i bimbi a visitare le Grotte di Monte Fellone.

A circa 20 km da Martina Franca, sul limitare della Valle d’Itria, c’è la bellissima Grottaglie, città della ceramica.

Orchidea rara al Bosco delle Pianelle di Martina Franca
Orchidea rara al Bosco delle Pianelle di Martina Franca

COSA FARE A MARTINA FRANCA COI BAMBINI

I martinesi festeggiano il loro santo patrono ben tre volte all’anno: il 13 marzo in ricordo del sacco della città, e poi ancora a luglio e novembre. Queste ultime due feste sono le più animate e quindi adatte ai bambini.

  • San Martino dell’Aia (e Santa Comasia) – intorno al 4 luglio: quattro giorni di festa, in cui vengono portate in processione le statue d’argento dei Santi e la Città si orna di luminarie spettacolari. Le strade si riempiono di musica tradizionale e i bimbi restano incantati dalle giostre del luna park e dai fuochi d’artificio finali.
  • San Martino delle Sementi – l’11 novembre: grande fiera per celebrare il raccolto, onorata dagli esperti macellai della città con preparazioni speciali. Vi si espongono e vendono attrezzi agricoli, animali delle Murge, prodotti alimentari locali. E’ prevista una esposizione di mastri cappottari, una tradizione tessile del posto.

Un’altra attività che potrà risultare molto gradita dai bambini, soprattutto in autunno, è la visita dell’Acropoli di Puglia. In questo storico frantoio la produzione dell’olio viene spiegata e mostrata con passione e simpatia e accompagnata da una degustazione finale.

Segnalo inoltre il Festival della Valle d’Itria, per chi vuole iniziare i piccoli alla musica operistica. 

Offerte di olio e vino nella Basilica di San Martico
Offerte di olio e vino nella Basilica di San Martino

MANGIARE A MARTINA FRANCA

I piatti tipici

Martina Franca si contende con Cisternino la rivendicazione delle bombette, i deliziosi involtini di coppa ripieni di formaggio e cotti alla brace. E infatti in questa città ritroviamo anche gli altri piatti di carne tipici della Valle d’Itria, come salsicce e gnumareddi di interiora. In più qui si cucinano anche gli straccetti di capocollo impanati e lo spezzatino di cavallo cotto in sugo nella terracotta. I legumi sono altresì presenti nella cucina martinese, in particolare i ceci e le fave, secondo la tradizione contadina. Infine tra le ricette con gli ortaggi, spiccano le melanzane ripiene.

Tuttavia il re della tavola a Martina Franca è sicuramente il salume Capocollo, frutto dell’antica arte norcina del posto e del vento collinare che spira da queste parti. La carne ricavata dalla parte posteriore del collo del suino viene speziata e marinata nel vincotto, poi fatta affumicare con legna di fragno, infine posta a stagionare nei trulli. Che lo mangiate su un tagliere insieme a latticini e sottolio o avvolto intorno alle tipiche preparazioni di carne, il sapore di questo salume non lo dimenticherete. Infine, non perdetevi l’assaggio del MartinaFranca DOC, un vino bianco fresco e delicato.

Insomma, con l’eccezione di qualche piatto dal sapore più forte, la cucina martinese sana e genuina saprà conquistare anche i vostri bimbi! 

Dove mangiare

Per colazione o merenda vi consiglio di recarvi allo storico Caffè Tripoli. Reso famoso da una foto con Maria Grazia Cucinotta che ha fatto il giro del mondo nel 1996, resta celebre per i suoi squisiti bocconotti crema e amarena. 

A pranzo, non perdete gli strepitosi taglieri del Caseificio Gentile, nella sua splendida cornice dei Portici.

Se cercate un posto in campagna dai sapori semplici e veri, la Masseria Catucci fa al caso vostro. I bambini apprezzeranno il verde e i trulli che fanno da sfondo al pasto; è possibile anche pernottare in quest’agriturismo.

Per una cena tradizionale a base di grigliata di carne, andate alla Braceria Granaldi, dove le ottime materie prime si scelgono direttamente nella macelleria interna. Infine, se volete qualcosa di un po’ più ricercato, ma sempre baby-friendly, provate il ristorante Nausikaa. Qui l’ambiente resta dominato da legno e pietra, ma nei piatti si trovano interessanti contaminazioni e rivisitazioni. 

Piatto gourmet al ristorante Nausikaa
Piatto gourmet al ristorante Nausikaa

I CONSIGLI DEI BAMBINI

A Martina Franca la bellezza delle grandi architetture barocche si incontra con quella delle piccole casette dall’aria fiabesca.

Se non riuscite a portare noi bambini alla Riserva delle Pianelle, c’è sempre la Villa comunale, nata dai giardini di un convento: è molto carina!

Facciamo a gara a trovare sui vari edifici lo stemma della città, col cavallo bianco senza briglie.

E poi c’è l’asino di Martina Franca, il più famoso in Italia, apprezzato per essere grande e vivace! Si possono incontrare durante la Fiera di San Martino a novembre oppure alla Masseria San Paolo, insieme ai cavalli murgesi.

 

 

Stemma della città di Martina Franca
Stemma della città di MartinaFranca

 

Per altre foto, visita la mia pagina Instagram !

PER DEGUSTARE DA CASA IL CAPOCOLLO:



Booking.com

Please follow and like us:

3 Risposte a “UNA GITA A MARTINA FRANCA COI BAMBINI”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.