LE PISTE CICLABILI VICINO OSTUNI

LE PISTE CICLABILI VICINO OSTUNI

Nei dintorni di Ostuni si trovano diverse piste ciclabili che, oltre a un magnifico panorama fatto di ulivi e mare, hanno anche tanto da insegnare per storia e habitat naturale.

Ve ne segnalo tre, che a tratti si intrecciano e sovrappongono. Le abbiamo sperimentate direttamente con la bimba al seguito e sono fruibili in una bella giornata di tutte le stagioni. Ovviamente per l’estate consiglio di portar dietro cappellino, solare e acqua fresca. Non dimenticate inoltre di partire con le ruote ben gonfie. E non preoccupatevi, quasi tutte le masserie offrono il servizio di prestito/affitto biciclette.

Mare, storia e natura nelle piste ciclabili vicino Ostuni
Mare, storia e natura lungo le piste ciclabili vicino Ostuni

LA CICLABILE DELLA VIA FRANCIGENA

Questo percorso fa parte di un complesso di strade che in epoca medievale partiva da Canterbury per arrivare in Francia e di lì, attraverso Roma, giungeva in Puglia. In questa Regione i pellegrini potevano quindi imbarcarsi per la Terra Santa. La pista ciclabile passa vicino Ostuni e arriva poi fino a Santa Maria di Leuca.

Utili cartelloni segnalano i percorsi ciclabili nei dintorni di Ostuni
Utili cartelloni segnalano i percorsi ciclabili nei dintorni di Ostuni

Il paesaggio sembra essere rimasto immutato nel tempo e – oggi come allora –  vi si trovano muretti a secco, ulivi secolari, fiori e piante selvatiche. Il tutto è contornato dalla calda terra rossa pugliese, che rende il panorama ancora più suggestivo. Sulla via erano previsti luoghi di pernotto e ristoro per i viandanti e ancora oggi potrete contare sulle masserie dei dintorni per una piacevole sosta. Nei pressi della Francigena si trovano ad esempio la Masseria Carparelli, la Masseria Valente e la Masseria Conca D’oro.

Ulivi e terra rossa, eterni protagonisti delle campagne pugliesi
Ulivi e terra rossa, eterni protagonisti delle campagne pugliesi

Lungo il percorso si incrocia anche un tratto con lastricato romano, parte della via Traiana. È in ottimo stato conservativo, grazie alla tranquillità che regna in questi luoghi.

La via Francigena permette inoltre di raggiungere l’incredibile Dolmen di Montalbano. Come per le altre sue simili, lo scopo di questa struttura – risalente ad approssimativamente 4000 anni fa – non è noto. Probabilmente aveva fini sacrificali, sepolcrali o di esplorazione astronomica. E’ conosciuto anche come “Pala dei Paladini“; si narra che i Cavalieri di Malta lo utilizzassero per le loro cerimonie prima di partire per le Crociate.

La via Francigena serpeggia tra campagne e masserie
La via Francigena serpeggia tra campagne e antiche masserie

LA CICLABILE DELLA VIA TRAIANA

Quest’antica strada romana, voluta dall’omonimo Imperatore nel 109 a.C., collegava la città di Benevento a Brindisi. Il fine era quello di agevolare gli spostamenti di legioni e merci fino al porto pugliese. Il percorso è stato in parte ricalcato in epoca medievale dalla via Francigena; il Dolmen, ad esempio, si trova su entrambe le strade. La pista ciclabile passa nei pressi di Ostuni.

Lungo la via Traiana diversi tratti sono rimasti immutati da due millenni
Lungo la via Traiana diversi tratti sono rimasti immutati da due millenni

La caratteristica della via Traiana è quella di presentare diverse porzioni pavimentate con pietre (basoli) di calcare. Il tratto meglio conservato è all’altezza di Egnazia (Savelletri), dove si possono osservare perfino i solchi lasciati dai carri

Lungo la pedalata ci si imbatte nel rosso edificio dell’Albergabici, un “bed&bike” ricavato in un’antica casa cantoniera. Questo è il punto in cui la Traiana incontra l’itinerario del Parco delle Dune costiere, di cui parleremo in seguito in quest’articolo.

Indicazioni per la via Traiana e ...attenzione ai ricci!
Indicazioni per la via Traiana e …attenzione ai ricci!

Anche qui troviamo il quieto spettacolo degli ulivi che si sono aggrovigliati alla terra rossa lungo i secoli. Lo sguardo si perde tra macchie di colore della vegetazione, che cambia con la stagione, e antichi muretti di pietra. Il territorio lungo la via riserva però nuove sorprese.

Si incontrano infatti una Masseria fortificata, un piccolo borgo rupestre e la Chiesa pre-romanica di San Pietro in Ottava (visite su prenotazione). Si possono esplorare anche frantoi ipogei – a testimonianza dei prodotti che transitavano lungo la via – ricavati nelle grotte formate dai fiumi fossili, le cosiddette lame. Lungo l’itinerario ci si imbatte inoltre nella graziosa Masseria Palombara Grande.

Molto interessanti sono le visite guidate e le attività esperienziali – adatte alle famiglie – che si tengono con la bella stagione, come quelle organizzate dalla Cooperativa Serapia.

Lungo la via Traiana si incontra anche un maneggio: ideale per una sosta coi bimbi ad accarezzare i cavalli
Lungo la via Traiana si incrocia anche un maneggio: ideale per una sosta coi bimbi ad accarezzare i cavalli

LA CICLABILE DEL PARCO DELLE DUNE COSTIERE

L’apertura e chiusura di questo Parco di dune secolari è segnata da due torri: Torre San Giovanni e Torre Canne. Solo la prima di queste si è conservata, ma lungo la costa pugliese è frequente incontrare simili fortificazioni, che servivano per l’avvistamento dei nemici saraceni.

Procedendo lungo la costa, la vera protagonista di questa pista percorribile in bicicletta è però la Natura. Si assiste ad una novità: qui il panorama non è più quello classico delle campagne pugliesi, in cui dominano gli ulivi. Pedalando lungo la strada che costeggia il mare ci si imbatte in un ecosistema particolare, fatto di dune di sabbia tenute insieme nei secoli dalla profumata vegetazione della macchia mediterranea.

Si incontrano tutti i colori della vegetazione spontanea, pedalando nel Parco delle Dune Costiere
Si incontrano tutti i colori della vegetazione spontanea, pedalando nel Parco delle Dune Costiere

Lo sguardo si riempie dei mille colori di fiori e arbusti spontanei, che si riflettono in piccoli e grandi specchi d’acqua salata. Questi, a loro volta, sono habitat di diverse specie anfibie e di uccelli: un vero paradiso di biodiversità. In una terra arida e selvaggia, com’è la Puglia soprattutto in estate, vi stupirete di incontrare un così vasto sistema di zone umide. Si articola in stagni, lagune e fiumi carsici che emergono dal sottosuolo, circondati da una grande varietà vegetale di canneti, tamerici e giunchi.

Gli specchi d'acqua sono habitat di una grande varietà di anfibi e uccelli
Gli specchi d’acqua sono habitat di una grande varietà di anfibi e uccelli

Lungo la pista ciclabile che passa vicino Ostuni, una piccola deviazione porta ad un interessantissimo circuito didattico ad anello, nei pressi del fiume Morelli. Qui si apprende dai cartelloni esplicativi come muta il paesaggio creando tanti piccoli ecosistemi: dagli oliveti secolari alla pseudo-steppa, dal salicorneto alla macchia a ginepro, fino alle praterie di poseidonia nel mare. La spiaggia a cui si giunge è bellissima, caratterizzata da acqua trasparente e da un pino solitario su cui è collocata un’altalena, eterna gioia dei bambini.

Le dune approdano su una bellissima spiaggia, vicino al fiume Morelli, con un pino solitario
Le dune approdano su una bellissima spiaggia, vicino al fiume Morelli, con un pino solitario

Presso la Casa del Parco – ex stazione ferroviaria di Fontanavecchia – c’è anche un servizio di informazioni per i visitatori. Tra le altre attività, si segnalano laboratori di riconoscimento di erbe spontanee e fiori eduli, nonché visite guidate con birdwatching.

I CONSIGLI DEI BAMBINI SULLE PISTE CICLABILI VICINO OSTUNI

Le passeggiate in bici piacciono tanto a noi bimbi, sia che pedaliamo noi, sia se siamo sul seggiolino perché più piccini.

Non sempre le strade sono ad uso esclusivo dei ciclisti, ma sono per certo pochissimo trafficate. Il tratto di raccordo con la Via Traiana è di brecciolino e può risultare un po’ faticoso per i piccoli. In compenso, vi si incrocia un maneggio e – con un po’ di fortuna – si possono vedere i porcospini al tramonto.

Non dimenticate di prevedere delle tappe per permetterci di passeggiare nelle campagne: le piste ciclabili vicino a Ostuni offrono degli scorci di eccezionali. In autunno-inverno ci si imbatte nella raccolta delle olive, in primavera in un manto di fiori colorati, mentre in estate è la terra rossa tra gli ulivi a farla da padrona. In ogni caso, non ci sarà di che annoiarsi!

Le campagne pugliesi offrono incontri ravvicinati con questi magnifici giganti: gli ulivi secolari
Le campagne pugliesi offrono incontri ravvicinati con questi magnifici giganti: gli ulivi secolari

Se, come facevamo noi, continuate a litigare con le pompe sbagliate e vi ritrovate sempre con le ruote sgonfie, vi consiglio di acquistare questa e il gonfiaggio sarà sempre veloce ed efficiente: Pompa BETO per bicicletta, da terra, con manometro, tutte le valvole.

 

Booking.com

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.