VISITARE CISTERNINO COI BAMBINI

VISITARE CISTERNINO COI BAMBINI

Torre dell'orologio a Cisternino
Torre dell’orologio a Cisternino

PERCHE’ VISITARE CISTERNINO

Cisternino è uno dei Borghi più belli d’Italia, circondato da verdi campagne puntellate di trulli. La sua architettura è un interessante esempio di insediamento urbano spontaneo. E’ un labirinto di piccole vie con case basse dipinte di bianco, archetti, scaline e terrazzini molto curati. Fa inoltre parte del circuito internazionale “Città Slow”, per le caratteristiche paesaggistiche, l’accoglienza, la qualità della vita e la buona cucina. Ecco perché vi consiglio caldamente di visitare Cisternino coi vostri bambini.

Ameranno le altalene disseminate per il borgo antico, accompagnate da luci e murales con i temi più vari. Si va da Mary Poppins a Frida Kalho alla Divina Commedia.

Rimarranno affascinati dai caratteristici coni dei trulli che spuntano in mezzo al verde circostante il paese, con un effetto magico ancora più evidente che nella famosa Alberobello.

Non conosco infine nessun bimbo che non si sia leccato i baffi dopo aver provato le sue eccezionali bracerie. Vi racconterò tutti i dettagli.

Per la visita può bastare una mezza giornata, magari al pomeriggio. Va aggiunta sicuramente poi una sontuosa cena e – direi – pure una passeggiata finale per smaltire!

Porta d'ingresso al centro storico di Cisternino
Porta d’ingresso al centro storico di Cisternino

COSA VEDERE A CISTERNINO

Se visitate Cisternino coi bambini, noterete che i quartieri hanno nomi caratteristici, con tanto di targhe in dialetto.

“Cosa vuol dire, mamma??”. Ecco cosa rispondere ai vostri bimbi:

  • “Bère Vécchie” (borgo vecchio) è il nucleo originario dell’abitato.
  • “Le Scheledd” (scalette) prende il nome da alcuni scalini che servivano a rallentare i cavalli.  
  • “U Pantène” (pantan) era una zona soggetta ad allagamenti.
  • “L’ìsule” (isola) è un rione racchiuso dalle quattro vie che lo delimitano.
  • “U’ Bùrie” (il borgo), è il quartiere più esterno e recente e risale al sedicesimo secolo.

Tra le basse casette del borgo svettano due costruzioni. La Torre Normanno-Sveva (o Torre Grande) si trova nei pressi della porta d’accesso principale al centro storico, mentre la Torre dell’Orologio, domina la piazzetta centrale del paese. Vi sarà impossibile non notarle.

Vi segnalo inoltre la visita della Chiesa Matrice di San Nicola Patara, nata sui resti di una struttura dei monaci bizantini. La facciata è neoclassica, ma l’interno conserva l’assetto medievale. Ospita la pregiata scultura rinascimentale di Stefano da Putignano, la cosiddetta “Madonna col cardellino”.  

COSA MANGIARE COI BAMBINI A CISTERNINO

Come già sottolineato, la cucina è sicuramente uno dei punti forti di questo borgo.

Girovagando nella casba dei vicoletti che si snodano dalla piazzetta centrale, verrete inondati dal profumo delle braci e delle succulente prelibatezze che vi si cucinano.

Il modo in cui vengono gestite le bracerie è peculiare. Si sceglie e paga la carne nella macelleria, poi ci si accomoda al tavolo, mentre il “fornello pronto” la cucina. Si possono ordinare anche salumi e formaggi tipici, sottolio, patate al carbone o semplici insalate di accompagnamento, oltre all’immancabile brocca di vino locale. Tutto assolutamente da provare! Difficile non esagerare, complici anche i costi contenuti. Non sarà però un sacrificio impegnarsi a mangiare tutto ciò che di buono si è ordinato.

Prima di tutto, bisogna assaggiare le bombette, impanate o alla pancetta, specialità assoluta del borgo. Anche le zampine saranno molto gradite dai bambini; gli adulti potranno inoltre lanciarsi nell’assaggio degli gnumiriddi. Se invece volete andare sul semplice, ci sono anche delle ottime bistecche. A questo punto urge però qualche spiegazione, per iniziare ad allettarsi già col pensiero.

  • Le bombette tradizionali sono involtini fatti con fettine di capocollo di maiale (o vitello) ripiene di caciocavallo filante e panate esternamente con pangrattato e formaggio o avvolte nella pancetta; ne esistono diverse varianti.
  • Le zampine sono salsicce di vitello, condite all’interno con pomodoro, formaggio e aromi mediterranei.
  • Gli gnumiriddi (pronunciate con diverse inflessioni e declinazioni nel territorio pugliese) sono interiora avvolte in budelli di capretto o agnello e profumate con prezzemolo e pepe.
Macelleria con fornello pronto a Cisternino
Macelleria con fornello pronto a Cisternino

DOVE CENARE A CISTERNINO

Per quanto riguarda la scelta del ristorante a Cisternino, Zio Pietro è una garanzia e se ne sono accorti in molti. Si è dotato di recente di ceramiche brandizzate e tablet per gli ordini, ma qualità e spontaneità sono gli stessi di sempre. Arrivateci sul presto, però, per trovare posto!

Un’ottima alternativa è costituita dalla Arrosteria del Vicoletto. Qui potrete concludere la cena con dei buonissimi cannoli di frolla ripieni di crema pasticcera, delizia per grandi e piccini.

Scorcio caratteristico nei pressi de Il vicoletto
Scorcio caratteristico nei pressi de Il vicoletto

Per una cena più elegante, potete dirigervi a Le tre lanterne, che vanta una bellissima vista sulla Piazza e alternative per vegetariani.

Infine, in altissima stagione, ci si può dirigere fuori città, prenotando alla Braceria Soleti, nella contrada Casalini. Vi troverete tanto spazio all’aperto tra gli ulivi e un menù più ampio. Potrete così visitare in piena serenità Cisternino coi bambini, anche quando i turisti sono più numerosi.

(Guarda il Reel sulla passeggiata a Cisternino)

COSA FARE DOPOCENA A CISTERNINO

Dopo cotanta cena, vale la pena passeggiare un po’ per raggiungere i belvedere di Cisternino con vista sulla Valle d’Itria. Mentre cercate di individuare le cittadine a cui corrispondono i suggestivi assembramenti di lucine, fermatevi per un caffè alla Cremeria History Vignola.

Qui potrete anche sorseggiare un digestivo o un cocktail e provare i cubi fondenti di cocco e cioccolato, i preferiti miei e della mia bimba. Tanti sono i dolcetti da assaggiare, inclusi dei buoni gelati.

Se invece avete proprio esagerato a cena e non ce la fate ad allungarvi oltre il centro storico, un sorbetto al bar sotto la torre dell’orologio potrete almeno concedervelo. Ne fanno anche a forma di animaletti per i bambini e sono artigianali.

Lungo il belvedere a Cisternino
Lungo il belvedere a Cisternino

DOVE DORMIRE A CISTERNINO

In realtà potete visitare Cisternino in giornata coi bambini alloggiando a Ostuni o Locorotondo, come consiglio nel mio post sulla Valle d’Itria.

C’è però un Agriturismo nel territorio comunale che vale la pena anche solo di visitare: I Giardini di Pomona. Si tratta di dieci ettari di piante da frutto all’insegna della conservazione della biodiversità e della coltivazione biologica. La struttura ospita dei mini-appartamenti e una sezione organizzata come ostello nel circuito Albergabici.

Vista sulla Valle d'Itria dal belvedere di Cisternino
Vista sulla Valle d’Itria dal belvedere di Cisternino

I CONSIGLI DEI BAMBINI SU CISTERNINO

Arrivate presto per cena per evitare lunghe attese in estate, i bimbi non piace aspettare. Ordinate per noi bombette e salsicce di vitello, non ci faremo pregare per mangiarle!

Lasciateci un po’ di tempo per dondolare sulle altalene e correre sui belvedere, che di solito sono meno affollati della piazza centrale. E al bar sotto l’Orologio, non dimenticate di chiedere di liberare i sorbetti a forma di animaletti dal guscio contenitore: non è così facile farlo da soli e noi bambini siamo impazienti per definizione!

Lungo la strada da/per Cisternino faremo poi i bravi, cercando e contando i trulli sparpagliati nelle campagne.

Molti sono gli eventi che animano il borgo, soprattutto d’estate.

Ah, guardatevi in giro, potrete riconoscere alcuni vip che hanno proprietà o vengono in vacanza in queste contrade.

Vista con trullo nelle campagne circostanti Cisternino
Vista con trullo nelle campagne circostanti Cisternino

Per altre foto su Cisternino, guarda su www.instagram.it/pugliamondo

Se volete acquistare Sottoli tipici pugliesi, vi consiglio questi: Pomodori secchi Montalbano



Booking.com

Please follow and like us:

Una risposta a “VISITARE CISTERNINO COI BAMBINI”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.